Condividi su

Convegno di conclusione prima fase corso di tessitura: al via i tirocini per le donne del progetto “Intrecci di Vita 2.0”

Si è conclusa con successo la prima fase del corso di tessitura promosso dal progetto “Intrecci di Vita 2.0”, un’iniziativa volta all’inclusione sociale e all’imprenditoria femminile nell’ambito tessile calabrese. Il progetto, sostenuto da Fondazione CON IL SUD ed Enel Cuore, la onlus del Gruppo Enel, attraverso il bando “Nel cuore del Sud”, è portato avanti da “Associazione Spazio Aperto ODV” in partnership con ARSAC Calabria, i Comuni di Girifalco e Squillace, Fondazione Città Solidale Onlus, AMA Calabria, Cooperativa Tra Cielo e Terra, Vitambiente e il Laboratorio tessile Universochiara, un partenariato ricco che prevede interventi di inclusione lavorativa e valorizzazione dell’antico mestiere tessile.

Il corso di tessitura a telaio, realizzato da ARSAC, Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese, in collaborazione con il laboratorio artigianale AMA Calabria, ha visto la partecipazione attiva delle beneficiarie del progetto, le quali hanno acquisito competenze e conoscenze nell’arte tessile tradizionale nelle 6 settimane di formazione intensiva.

Durante la prima fase, le corsiste hanno avuto modo di approfondire la storia e l’evoluzione delle diverse fibre tessili, nonché le tecniche di base per la realizzazione di capi e accessori. Le lezioni, tenute dalla Dott.ssa Luigia Iuliano si sono svolte presso il Centro Sperimentale Dimostrativo dell’ARSAC a Lamezia Terme e presso il laboratorio di AMA Calabria a Squillace, dotati di antichi telai tradizionali.

La conclusione della prima fase del corso è stata celebrata con una cerimonia di rilascio degli attestati, in cui le donne hanno ricevuto il loro attestato di partecipazione, a testimonianza delle competenze acquisite e dell’impegno profuso durante il corso.

La successiva fase del progetto “Intrecci di Vita 2.0” prevede la realizzazione di tirocini formativi presso aziende tessili e sartoriali del territorio. Le tirocinanti avranno così l’opportunità di mettere in pratica le abilità acquisite durante il corso e di entrare in contatto con il mondo del lavoro. Il progetto mira a valorizzare le competenze e il talento delle donne, offrendo loro concrete opportunità di crescita e di lavoro autonomo.

Il rilascio degli attestati e l’avvio dei tirocini rappresentano un traguardo importante per il progetto “Intrecci di Vita 2.0”. Le donne che hanno partecipato alla prima fase del corso hanno acquisito competenze preziose che potranno essere utilizzate per trovare un lavoro o per avviare un’attività autonoma.